KXIP vs KKR Live Score

Questo vuol dire minare la nostra partecipazione, l'indipendenza, la terzietà: "potrebbe essere l'inizio di una nuova Calciopoli", ha continuato. Noi al momento siamo il fiore all'occhiello di una Federazione che ancora non c'è, ma si cerca di andare ad intaccare la nostra autonomia. Non ho sensazioni di contrarietà al Var, ma anzi si chiede di migliorarla e ora si va in campo più sereni: dai protagonisti in campo, ai tifosi. Lo sciopero? Io faccio di tutto per calmare gli arbitri, ma non sorprendetevi se non li troverete sul campo. Mettere le mani sugli arbitri significa che ognuno dice la sua nelle designazioni e nel modo di arbitrare. Buffon è un grande campione che si avvia ad una bellissima carriera dirigenziale, ma a certi livelli bisogna stare attenti a cosa si dice perché ci sono i ragazzi che ascoltano.

"E non dimentichiamo gli episodi di violenza: ci costringeranno a rimanere a casa perché i genitori non vorranno più mandare i figli ad arbitrare. Quest'anno ci sono stati già 100 arbitri picchiati, le famiglie non ce la fanno più e non possono più finanziarli per andare ad arbitrare".

VAR - Il presidente degli arbitri parla anche del Var: "Questo è uno strumento che funziona, migliorabile e ormai voluto e accettato da tutti". Da una parte dunque la necessità di proteggere ragazzi di cui "nessuno si occupa", dall'altra invece la difesa della loro voce in consiglio: secondo il presidente AIA è inammissibile che gli arbitri siano tagliati fuori dalle votazioni. Decide comunque sempre l'arbitro in campo e questo è un caposaldo.

Le polemiche per i presunti errori arbitrali sono solo una delle componenti degli esasperati rapporti tra i vertici dei "fischietti" e le altre anime del nostro panorama calcistico. Le valutazioni vanno fatte come per i calciatori, chi fa il designatore segue l'arbitro nella sua crescita giorno dopo giorno.

SITUAZIONE - La situazione interna noi la definiamo drammatica perché non ci si rende conto delle difficoltà che sta incontrando la nostra classe. Io avrei difeso sicuramente l'arbitro, perché non può essere minacciato né prima, né durante, né dopo. "Non posso agire sul modo di pensare di un dirigente italiano".

" Si migliora sulla conoscenza approfondita dello strumento, a Coverciano abbiamo un simulatore in tal senso". Non capisco perché debba essere un pericolo.


COMMENTI