KXIP vs KKR Live Score

Dopo la rottura con il Movimento cinque stelle, che si è opposto ad un suo eventuale terzo mandato, ha deciso di cercare la riconferma a capo di una sua lista civica: Essere Pomezia.

Fucci spiega di aver scelto di ricandidarsi "perché per cinque anni ho lavorato per salvare la nostra città dal fallimento, per renderla più bella e più pulita, per garantire servizi a tutti, in particolare alle fasce più deboli della popolazione" e quindi "la città non può ricominciare tutto da capo con persone senza esperienza da sindaco".

"Un elemento a cui tengo tanto e su cui ho puntato molto in questi 5 anni" ha continuato.

"Ho scelto di candidarmi con una lista civica perché nel M5S c'e' una regola miope che non premia la competenza e disperde l'esperienza". All'Ansa il sindaco aggiunge che alle Regionali non ha votato per Roberta Lombardi, la candidata presidente dei Cinquestelle, perché "non godeva della mia stima". Ma la rigidità del Movimento porta a questo paradosso, in Sicilia prendi il 40% e non governi, al nazionale il 30% e non si sa se governi. Quando sono arrivato per la prima volta in questa città mi ha sorpreso la grande disaffezione per il territorio.

Stiamo parlando del sindaco di Pomezia Fabio Fucci e di alcune delle parole pronunciate questa mattina (10 marzo 2018), nel comitato elettorale della lista civica "Essere Pomezia per Fucci Sindaco", che sancisce la sua ufficiale discesa in campo per le prossime Amministrative e della contestuale uscita dal MoVimento 5 Stelle che gli ha consentito di governare la città grazie alla candidatura del 2013. "Uscire dal M5S vuol dire prendere consapevolezza che manca una visione strategica e la capacità di leggere il contesto in maniera meno rigida e rendersi conto che la vita al di fuori ha tante sfaccettature" ha aggiunto Fucci ricordando che "il M5S ha preso quasi il 50% a Pomezia e credo di aver dato anche il mio contributo".

In una conferenza stampa stamattina Fucci non ha risparmiato qualche stoccata alla Giunta Raggi: "Siamo stufi che la Capitale dirotti i suoi problemi in periferia o in provincia, perché Pomezia vuole crescere e non vuole freni". In Consiglio ha ancora uno scoglio da superare. La maggioranza pentastellata sabato prossimo, in occasione della presentazione del bilancio, potrebbe decidere di sfiduciarlo.

Fucci ha parlato di un progetto trasversale a tutte le forze politiche, non ideologico, aperto anche alla partecipazione di altre liste civiche. Nel silenzio tattico di centrodestra e centrosinistra, intanto, si è inserito un terzo aspirante primo cittadino, il civico Antonio Aquino.


COMMENTI