KXIP vs KKR Live Score

Il calciatore genoano, ex di Avellino e Triestina, è stato rinviato ieri a giudizio nell'ambito del processo per le presunte combine di due partite di Serie B nel 2014. Le partite finite sotto la lente d'ingrandimento della Procura sono Modena-Avellino e Avellino-Reggina.

Millesi è stato condannato a un anno, mentre a Pini sono stati inflitti 3 anni e sei mesi.

La sentenza è stata emessa dal Gup di Napoli Marcello De Chiara che ha accolto le richieste del pubblico ministero della Dda Maurizio De Marco. Antonio Accurso, presunto esponente del clan, accusato di aver corrotto i calciatori, e' stato condannato a 4 mesi (riconosciuta l'attenuante della collaborazione). Entrambi dovevano rispondere per il reato di frode sportiva, in relazione alle predette gara, le cui combine avrebbero agevolato alcuni scommettitori del clan camorristico Vanella -Grassi di Secondigliano.

"Dopo una lunga camera di consiglio, in accoglimento delle ragioni formulate dall'avvocato Dario Vannetiello, il Giudice dell'udienza preliminare presso il Tribunale di Napoli - dott". Mentre per Luca Pini c'è anche il reato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Condanna a un anno di reclusione, con pena sospesa, per Francesco Millesi. Vannetiello, il Giudice ha concesso a Millesi anche la sospensione condizionale della pena.

Finisce con una condanna per frode sportiva la vicenda del calciatore Francesco Millesi, ex giocatore dell'Avellino e del Catania.

L'altro e più noto calciatore coinvolto nell'inchiesta, Armando Izzo, tutt'ora in forza al Genoa, ha scelto di essere giudicato con il rito ordinario. Il processo a carico del difensore comincerà il 14 marzo.


COMMENTI