KXIP vs KKR Live Score

Alla firma del contratto erano presenti il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, l'Amministratore Delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, l'Amministratore del Gruppo FS, Renato Mazzoncini, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio e l'Assessore regionale ai trasporti, Elisa De Berti.

Sul fronte dei programmi pluriennali sul lavoro e la capacità di programmazione derivanti dai contratti di servizio tra Ferrovie e Regioni, il ministro ha sottolineato che "ordinare treni per 4 anni vuol dire creare più lavoro, perché questi treni si fanno in stabilimenti italiani". "Da qui ai prossimi due anni avremo un parco macchine nuovo e arriveranno 78 treni nuovi".

Il Governatore, inoltre, si è detto convinto della necessità che gli abbonamenti debbano essere differenziati in base alle fasce di reddito: "agli studenti e ai lavoratori meno abbienti - ha sottolineato - deve essere garantita la possibilità di fruire di servizi indispensabili, come il trasporto, contribuendo secondo le proprie possibilità economiche".

L'impegno di Trenitalia nel miglioramento dei servizi ha fatto sì che la qualità percepita dai clienti - misurata con apposite indagini di Customer Satisfaction effettuate da soggetti esterni - sia andata progressivamente crescendo. Entro il 2021, invece, prevista la rivisitazione delle linee del Bellunese con collegamenti diretti verso la laguna. Attualmente la flotta dei convogli regionali è composta da 130 treni; l'arrivo dei nuovi mezzi - e il conseguente pensionamento dei vecchi - porterà a un abbassamento dell'età della flotta da 16,3 a 6,2 anni nel 2021, per arrivare a un'età media inferiore ai 5 anni. "Il contratto - ha assicurato Delrio - renderà più semplice la vita dei pendolari, con treni più dignitosi e con maggior comfort e puntualità. È frutto di una collaborazione molto stretta tra lo Stato e la Regione Veneto che consentirà con oltre un miliardo di investimenti non solo di produrre treni nuovi, quindi di cambiare tutta la flotta del Veneto e farla diventare la più giovane d'Europa in pochi anni, ma soprattutto di produrre nuovo lavoro e di consentire alle fabbriche italiane che producono i treni di avere nuovo lavoro".

Venezia, 11 gen. (askanews) - "Questo è un contratto che ci permetterà di rinnovare la flotta del Veneto, con treni più scattanti, più confortevoli e più green".


COMMENTI