Omicidio Serena Mollicone ultime notizie: indagata una quarta persona oltre all'ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio Marco. L'ipotesi di reato è di concorso in omicidio volontario.

Due giorni dopo la giovane fu trovata nel boschetto dell'Anitrella senza vita con mani e piedi legati e una busta di plastica in testa.

Il padre Guglielmo, che mai si è arreso, lo aveva sempre detto ed ora che le risultanze investigative gli danno ragione lo ribadisce con ancora maggiore convinzione: "Quel terribile primo giugno 2001 io non sapevo che Serena aveva deciso di andare nella caserma dei carabinieri di Arce per denunciare lo spaccio di droga che all'epoca caratterizzava il nostro paese". Il carabiniere è stato sentito giovedì in Procura a Cassino, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Serena Mollicone sarebbe stata infatti uccisa nell'alloggio adiacente alla caserma di Arce.

C'è un quarto indagato per l'omicidio di Serena Mollicone, la 18enne uccisa nel giugno del 2001 ad Arce, in provincia di Frosinone.

Gli inquirenti, quindi, ritengono che il milite convocato questa mattina in Procura sappia molto su quello che è successo all'interno della caserma dopo l'arrivo di Serena Mollicone. Sugli indumenti di Serena sono stati infine rinvenuti numerosi elementi botanici che, secondo la relazione firmata da Cristina Cattaneo, sono " del tutto coerenti" con il bosco in cui è stata rinvenuta la ragazza.


COMMENTI