KXIP vs KKR Live Score

"Già dal primo di dicembre molti cittadini si sono attivati per avere informazioni, soprattutto sui requisiti d'accesso". Il reddito d'inclusione non può essere percepito se un qualsiasi elemento della famiglia fruisce dell'indennità di disoccupazione o di altri ammortizzatori sociali.

La misura consiste nella presa in carico della persona in condizioni di fragilità, attraverso un beneficio economico e una componente di servizi; questi saranno assicurati dalla rete dei Comuni, Ambiti Sociali, Terzo Settore e da tutti gli attori coinvolti, mediante un progetto personalizzato avente per finalità l'attivazione e l'inclusione sociale e lavorativa, garantita uniformemente in tutto il territorio nazionale.

Attualmente sono 9.072 le famiglie che usufruiscono del SIA. L'assegno viene concesso per un periodo massimo di 18 mesi e, se necessario, potrà essere rinnovato per ulteriori 12 mesi.

L'obiettivo del ReI è sostenere i nuclei familiari che vivono in condizioni di forte disagio, aiutandoli dal punto di vista economico e lavorativo, così da evitare il rischio di esclusione sociale e povertà unita ad emarginazione sociale. Le famiglie non dovranno avere un Isee superiore a 6mila euro, un Isre superiore a 3mila, un patrimonio immobiliare oltre i 20mila euro, e un patrimonio mobiliare oltre i 10mila. Presenteremo una interrogazione per capire cosa sta facendo il comune per promuovere l'informazione ai cittadini e una stima di quante domande siamo già pervenute agli uffici per capire la portata di questa importante misura.

Dunque, gli enti locali avranno un ruolo importantissimo nel determinare il progetto personalizzato per ciascuno dei richiedenti, vincolante, tra l'altro, affinché vengano erogati i fondi. Il nuovo strumento di sostegno alle situazioni socio-economiche più difficili prevede anche l'attuazione di un progetto personalizzato per far uscire l'intero nucleo familiare dalla situazione disagiata, valutando problematiche e bisogni specifici con il supporto di operatori sociali individuati dai servizi competenti.

Le famiglie in possesso dei requisiti sociali ed economici previsti dal decreto potranno richiedere il Rei presso i punti di accesso aperti nei Caf convenzionati con il Comune di L'Aquila "che verranno presto indicati in un apposito avviso".

"Spiace però constatare che, dalle sue dichiarazioni odierne - ha aggiunto Lodi - l'assessora Fassio non conosce il Rei e i compiti che il Comune deve assolvere per permetterne il buon funzionamento".


COMMENTI