Shopping "di lusso" per Prysmian negli Usa.

Prysmian ha raggiunto un accordo per acquistare l'americana General Cable per 30 dollari per azione.

L'operazione, si legge in una nota, attribuisce a General Cable una valutazione, inclusiva della posizione finanziaria netta e altre passività della società, pari a circa 3 miliardi di dollari, per un premio pari a circa l'81% rispetto al prezzo raggiunto dal titolo General Cable il 14 luglio 2017, 16,55 dollari per azione, ultimo giorno di negoziazione prima dell'annuncio da parte della società dell'avvio di un processo di analisi di alternative strategiche. "È importante sottolineare che Prysmian e General Cable hanno una visione condivisa e culture altamente compatibili fondate su valori simili". Il cda ha però richiesto al Chief Financial Officer del Gruppo di analizzare l'opportunità di realizzare nei prossimi 12 mesi "l'emissione di nuove azioni o altre operazioni similari per un ammontare massimo complessivo di € 500.000.000".

Il colosso italiano dei cavi sta cedendo l'1,75% a Piazza Affari dopo essere arrivato a perdere oltre 2,5 punti percentuali.

Il perfezionamento della transazione, approvata all'unanimità dai cda di entrambe le società e raccomandata ai propri azionisti dal cda di General Cable, è previsto entro il terzo trimestre del 2018.

"Grazie al consolidamento di queste due primarie aziende nel settore dei cavi" spiega Valerio Battista, amministratore delegato di Prysmian, "saremo in grado di accrescere la nostra posizione nel mercato, aumentando la nostra presenza in Nord America, Europa e Sud America". I costi straordinari di integrazione sono stimati in 220 milioni. Prysmian stima che, a seguito della combinazione, il gruppo sarà in grado di generare circa 150 milioni di euro di sinergie di costo entro cinque anni dal perfezionamento dell'operazione. La transazione verrà finanziata attraverso un mix di nuovo debito - per il quale Prysmian ha già ricevuto l'impegno alla sottoscrizione da parte delle banche finanziatrici -, di cassa disponibile e di linee di credito esistenti.


COMMENTI