KXIP vs KKR Live Score

Sul biotestamento appare netta la posizione di Forza Italia che voterà contro il Ddl. Le dichiarazioni di voto cominceranno alle 11. Lo ha stabilito la Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama che ha quindi optato per il voto a data certa. Mentre martedì si cominceranno a votare gli emendamenti al provvedimento.

L'aula del Senato ha respinto la pregiudiziale di costituzionalità al ddl sul biotestamento. Nessun emendamento invece da parte del M5s e Pd.

Resta ora da vedere quanto tempo prenderà l'esame degli emendamenti, che, secondo quanto sta emergendo dal lavoro degli uffici della commissione Bilancio, sono poco più di tremila. La legge sul biotestamento è stata approvata dalla Camera dei Deputati lo scorso aprile con 326 voti favorevoli e dopo molteplici calendarizzazioni in Senato è rimasta praticamente "impantanata" in commissione a causa dell'ostruzionismo di destra e centristi. A chiedere la sconvocazione degli altri organismi parlamentari era stato il gruppo di "Federazione della Libertà" con Gaetano Quagliariello e Carlo Giovanardi. Nel pomeriggio di oggi, a seguito della discussione generale iniziata ieri, il testo dovrebbe giungere definitivamente a Palazzo Madama per l'approvazione definitiva, ma come previsto il ddl è stato subissato da migliaia di emendamenti e proposte di modifica. Prima del voto, su richiesta del senatore Roberto Calderoli, c'era stata la verifica del numero legale.

La proposta di legge al vaglio del Senato prevede l'introduzione di "norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" e in sostanza la possibilità per il paziente di rifiutare determinate terapie mediche. L'articolo 1 prevede invece che, nel rispetto della Costituzione, nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata.


COMMENTI