KXIP vs KKR Live Score

I manifestanti sono stati affrontati dalla polizia israeliana, che ha disperso la folla con gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Si contano al pomeriggio del 7 dicembre almeno 114 feriti, secondo il quotidiano israeliano Maariv.

La decisione degli Stati Uniti è stata accolta con rabbia dai palestinesi della West Bank e della Striscia di Gaza, che hanno dichiarato uno sciopero generale e sono scesi in strada per manifestare la loro rabbia. Hamas invoca una nuova intifada mentre il governo rafforza la presenza militare nei territori. Violente manifestazioni sono già cominciate in Libano e ancora in Turchia, dove centinaia di manifestanti si sono radunati di fronte all'ambasciata degli Stati Uniti di Ankara e davanti al consolato di Istanbul.

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu è tornato intanto a felicitarsi con Donald Trump per il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele ("Ha legato per sempre il suo nome con la storia della nostra capitale") e ha rivelato che altri Paesi potrebbero seguire il suo esempio.

Altri scontri si sono verificati in diverse località della Cisgiordania, in particolare a Betlemme, Hebron e Ramallah. "È giunto il momento".

Le bandiere statunitensi date alle fiamme, prima reazione al riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele da parte degli Usa.


COMMENTI