KXIP vs KKR Live Score

Il gruppo Vodafone archivia il primo semestre dell'esercizio con ricavi in calo del 4,1% a 23,1 miliardi di euro, dovuto principalmente al deconsolidamento di Vodafone Netherlands e movimenti in valuta estera. Possiamo solamente immaginare la soddisfazione che ha provato l'operatore dopo aver letto i dati ufficiali. L'aumento è strettamente legato all'incremento del ricavo medio per utente mobile e fisso e ad una accelerazione nella crescita della base dei clienti di rete fissa.

Aumenta di circa 3,2 milioni di unità anche il numero dei clienti 4G, pari ora a quota 10,5 milioni.

Per quanto riguarda i ricavi da servizi della rete fissa sono pari a 485 milioni di Euro, raggiungendo il 13,4%.

Il *debito netto *al 30 settembre 2017 passa a 32,1 miliardi di euro a fronte fronte dei 31,2 miliardi di euro del 31 marzo 2017, poiché la generazione di free cash flow da 400 milioni e il miliardo di euro di proventi dalla vendita di 90 milioni di azioni Vodafone sono stati più che bilanciati dal pagamento dei dividendi dello scorso esercizio per un ammontare di 2,6 miliardi di euro. Nel semestre Vodafone ha lanciato la rete mobile 4.5G fino a 800 Megabit al secondo nelle città di Firenze, Palermo, Milano, Verona, Torino, Bologna e Napoli.

Inoltre, i servizi in fibra sono disponibili in oltre 1.000 città italiane, di cui 12 coperte dalla fibra fino a 1 Gigabit al secondo attraverso la partnership con Open Fiber.

Da rilevare che la società, che si è aggiudicata la sperimentazione 5G per la città metropolitana di Milano nell'ambito della sperimentazione promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico, ha recentemente effettuato la prima connessione dati 5G in Italia utilizzando la banda di frequenze 3.7-3.8 GHz.

Vedendo questi risultati, possiamo dire che l'operatore rosso ha fatto decisamente un passo in avanti, non solo in termini economici ma anche da un punto di vista delle prestazioni dei suoi servizi.


COMMENTI