Dall'alba di stamattina i Carabinieri di Messina stanno eseguendo un provvedimento cautelare a carico di 9 persone residenti in città: sono 5 gli arrestati, di cui uno in carcere e 4 ai domiciliari, 3 obblighi di dimora. Sono destinatari della misura cautelare del divieto di dimora nel territorio del comune di Messina C.A., di 36 anni, D.G., di 34 anni, e G. L'attività d'indagine è iniziata nel dicembre del 2014. Viale Giostra, il lungomare di Santa Margherita e le vie del villaggio Cep erano i luoghi preferiti per le competizioni illegali, ma anche nella provincia, come ad esempio nel comune di Gaggi. I militari hanno monitorato il fenomeno delle corse di cavalli è ormai storicamente accertato a Messina così come l'esistenza di vari gruppi che gestiscono le gare.

L'attività investigativa ha documentato numerose competizioni si sono svolte nella zona Sud della città. Disposto dalla gip Daniela Urbani anche il sequestro della scuderia Minissaloti a villaggio Unra e dei cavalli che qui venivano custoditi, insieme ai calessi per le corse, e dove secondo gli investigatori venivano dopati per conquistare le vittorie. Il 33enne avrebbe pianificato anche gli allenamenti.

Gli altri membri del gruppo si sarebbero occupati, ciascuno in un proprio ambito, della scelta dei percorsi, della gestione dei cavalli e del loro quotidiano mantenimento. L'organizzazione si sarebbe anche avvalsa di un veterinario, che si sarebbe occupato della somministrazione agli animali di sostanze con effetti dopanti, per aumentarne le prestazioni. Mentre è ancora in corso l'arresto di un sesto uomo.

Durante l'inchiesta si è appurato come l'organizzazione promuovesse la sua attività illecita mediante la pubblicazione sui più diffusi social network delle immagini delle gare, che sono state acquisite come fonti di prova.

E' inoltre emerso come i maltrattamenti agli animali fossero spinti fino alle estreme conseguenze tanto che durante una delle competizioni hanno portato alla morte di "ZIKKA", cavallo di punta della scuderia, da cui appunto prende il nome l'operazione.


COMMENTI