La sentenza di condanna è stata pronunciata dal gup del Tribunale di Bari Rosa Anna De Palo al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Si tratta - secondo l'accusa - di umiliazioni psicologiche e fisiche su piccoli scolari di soli 8 anni, tra i quali anche un bimbo autistico.

Ad inchiodare le due maestre sono state le indagini dei carabinieri, che hanno documentato - anche con l'ausilio delle telecamere - gli episodi di violenza avvenuti fra il 31 marzo e il 29 aprile dello scorso anno. Gli abusi sarebbero consistiti in "schiaffi, colpi sferrati sul corpo, strattonamenti, pedate, calci, accompagnati dalla immobilizzazione delle mani".

Le maestre condannate hanno sempre dichiarato che quei comportamenti non dovevano essere considerati delle violenze ma "punizioni come strumenti educativi". "La linea di confine è enorme", ha affermato dopo la lettura della sentenza l'avvocato Fabio Campese, avvocato delle famiglie di alcuni bambini vittime dei maltrattamenti.


COMMENTI