KXIP vs KKR Live Score

"E' un'esperienza bellissima essere di nuovo qui, dove sono cresciuto e continuo a farlo". Si continua a lavorare e crescere, speriamo che qui a casa ci riuscirò ancora meglio. Ricordo l'esordio in Serie A con la maglia della Roma, a Cesena: fu un'emozione grandissima, un debutto inaspettato. "E' stata una emozione bellissima e siamo anche riusciti a vincere, venivamo da qualche risultato non proprio positivo e vincere è stata la ciliegina sulla torta". Poi ho avuto un po' di continuità, sentivo che andava sempre meglio e il gol per tutti i giocatori è sempre eccezionale, e figuriamoci il primo in A, è bellissimo.Il primo con la Roma per sabato?

Me lo ricordo, anche quello rimarrà impresso nella mente per sempre. L'obiettivo è quello di diventare la prima alternativa al trio composto da De Rossi, Strootman e Nainggolan e ci sta riuscendo, contando anche sul fatto di conoscere meglio di chiunque in rosa, insieme a Defrel, le richieste tattiche di Di Francesco.

Ora il primo con la Roma lo tieni in serbo per sabato?

"Speriamo, mi piacerebbe segnare il primo gol in casa nostra, ma alla fine quando arriva arriva, va bene". Sono di indole sempre molto tranquillo e sereno, sono consapevole che se sono qui è perché non ho mai smesso di lavorare, è sempre molto importante quello che si fa dopo nel calcio e non quello che hai fatto prima. Con che certezze arrivo a questa partita?

Intanto arriva la capitolista Napoli: "Abbiamo delle certezze ben precise". Sabato ci aspetta una partita importante, è uno scontro diretto per i primi posti -ha sottolineato Pellegrini a Sky-. Il Napoli sta facendo benissimo, noi stiamo facendo bene in questo inizio e dobbiamo continuare così. Dobbiamo continuare così per vincere col Napoli e per affrontare al meglio la gara di Champions con Chelsea.

"Abbiamo lavorato bene questi giorni, sono tornato a lavorare con il gruppo e il dolore è sparito. Mi è dispiaciuto saltare la nazionale" ha affermato il centrocampista. "Il mister da subito è stato importantissimo, mi ha aiutato molto a farmi capire questo tipo di mentalità, questo modo di ragionare, cercando di farmi capire che non bisogna mai accontentarsi". La mentalità penso sia la cosa più importante. Lui e tutto lo staff sono davvero importanti. Pellegrini non ha un giocatore per il suo ruolo a cui si è ispirato ma De Rossi è senza dubbio un punto di riferimento.

Quando ero piccolino, non avendo ancora capito il mio ruolo, non avevo un calciatore a cui mi ispiravo. Era bello vederlo giocare perché ti dava gioia vederlo giocare. Con Daniele ci capita spesso di parlare. Lui mi dice che sono anche un po' troppo frettoloso nell'andare in avanti, mentre sto capendo che è molto importante gestire per poi ripartire e trovare la palla giusta.

Quella di novembre sarà una partita importantissima, andare ai mondiali è da sempre il nostro obiettivo. Saremo tutti davanti alla tv per i sorteggi e tutti penseremo a questa doppia sfida.

Pensandoci è sicuramente una cosa più unica che rara. Siamo tre ragazzi di Roma, sarebbe stupendo. "Oltre a dei giocatori fantastici sono anche due persone stupende".


COMMENTI