KXIP vs KKR Live Score

"La norma contro l'apologia del fascismo è necessaria".

"La legge Scelba del '52 era attuativa di disposizioni costituzionali sul divieto di riorganizzazione del partito fascista e a quelle disposizioni viene ricollegata dalla magistratura - dice Fiano - Oggi, invece, si assiste a innumerevoli manifestazioni di propaganda di quel regime, senza che tuttavia vi sia l'intento di ricostituire quel partito, ma si tratta di fenomeni che sono altrettanto pericolosi, e questo a prescindere appunto dalla volontà di ridare vita a un determinato partito".

Il testo, fin dai suoi primi passi, ha scatenato subito molto polemiche e ha intercettato l'avversione di quasi tutte le opposizioni in parlamento.il Movimento Cinque stelle ha intenzioni bellicose e promette battaglia: da subito, ha parlato di una "legge liberticida", ha chiesto l'estensione dei tempi e la possibilità di intervento per tutti i membri del gruppo.

È soprattutto una "legge contro l'odio", commenta il capogruppo Ettore Rosato che cita proprio l'annuncio della marcia su Roma e una torta per Hitler la cui foto compare oggi sul web per dire che lo stop alla propaganda non è solo "folklore" come vuol far credere qualcuno. "Abbiamo proposto - aggiungono - di ritirare la nostra relazione di minoranza, proposta rifiutata perché fare marcia indietro, sarebbe stato riconoscere che questa è una legge propaganda fatta solo per dare visibilità a Fiano".

Il disegno di legge n. 3343-A, che porta il nome del deputato del PD Emanuele Fiano, ovvero il provvedimento che inserisce all'interno del codice penale il nuovo art. 293-bis, dovrebbe essere approvato nelle giornate di domani o al massimo mercoledì.

Per chi viola i divieti è prevista la reclusione da sei mesi a due anni. Sarà reato anche richiamare pubblicamente la simbologia o la gestualità di quei partiti in maniera inequivoca (è il caso del saluto romano) e il delitto sarà aggravato (con la pena aumentata di un terzo) se la la propaganda del regime fascista e nazifascista sarà commessa attraverso strumenti telematici o informatici.


COMMENTI