KXIP vs KKR Live Score

Nell'arrbito dell'indagine riguardante l'omicidio di Vincenzo Ruggiero che ha già portato al fermo e alla successiva misura cautelare in carcere di Guarente Ciro, il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Napoli Nord ha emesso un provvedimento di fermo nei confronti di un uomo di anni 51, DE TURRIS FRANCESCO, residente in Napoli - Ponticelli, per concorso nell'omicidio del Ruggiero, detenzione, porto e cessione abusiva di armi. Righe di fitta grafia che sta mettendo insieme come in un processo catartico, una di presa d'atto di tutto ciò che ha architettato e messo in opera la notte tra il 7 e l'8 luglio quando ha eliminato quello che, secondo lui, era il suo "rivale" in amore, il ragazzo, più giovane, più bello e, soprattutto, più amico di Heven Grimaldi, la trans sua fidanzata da sette anni.

Ciro racconta di una sorta di istigatore, una persona che l'avrebbe spinto ad uccidere Vincenzo, a covare odio e gelosia nei suoi confronti.

Dal momento in cui è andato via da Aversa, dalla casa di Heven, con il corpo di Vincenzo chiuso dentro un sacco per la spazzatura, qualcuno lo avrebbe aiutato.

L'uomo avrebbe aiutato l'ex dipendente della marina militare, Ciro Guarente, a disfarsi del corpo del ragazzo dopo averlo ucciso. Ma da solo non ce la faceva, Guarente. La vittima era alta quasi 1 metro e 90, l'assassino nemmeno 1 metro e sessanta. I sentimenti per la madre della sua vittima, quella donna alla quale ha tolto un figlio.

Proprio per questo, le indagini non si sono mai fermate. Intanto Ciro scrive e probabilmente verrà chiesta una perizia psichiatrica, ma non parla con gli investigatori.


COMMENTI