Al momento non si sa se la scossa - inizialmente riferito con magnitudo 6.5 - ha causato danni a persone o cose visto che non sono disponibili i danni. Tutta la penisola balcanica è una zona ad alto rischio sismico, in questi giorni la Croazia è stata colpita da diverse scosse la più forte risalente a 16 ore fa nei pressi di Krk di magnitudo 4.0, seguita da altre scosse di assestamento di entità inferiore.

Secondo i primi accertamenti dovrebbero essere almeno 130 mila le abitazioni lesionate dalle due forte scosse. La situazione è in continuo aggiornamento. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e dell'agenzia geologica statunitense Usgs, il terremoto ha avuto ipocentro a circa 20 km di profondità mentre l'epicentro è stato localizzato nella regione dello Xinjiang, circa 60 km a ovest-sudovest del villaggio di Todok e 225 a est della kazaka Zharkent. Nelle vicinanze c'è la riserva naturale di Jiuzhaigou, che è una rinomata destinazione turistica.

Con il passare delle ore, tuttavia, le speranze di trovare qualcuno ancora in vita si riducono al lumicino. Nel frattempo, circa 31.500 turisti sono stati allontanati dalla zona colpita dal terremoto.

Nella notte italiana la terra è continuata a tremare in Cina. Questo sommovimento è stato poi seguito da una replica di magnitudo 3.4 alle 23.53.


COMMENTI