Brucia ancora l'area flegrea. Dopo il tragico incendio del Parco Nazionale del Vesuvio, devastato dal fuoco appiccato dolosamente finanche servendosi di gatti infiammati, la scorsa notte è stata la volta della Solfatara. Le fiamme sono rimaste alte e visibili da tutti i quartieri di Pozzuoli almeno fino alla mezzanotte.

Sul posto sono potuti intervenire solo mezzi di terra dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile. Risultano distrutte completamente dal fuoco decine di ettari di macchia mediterranea e sottobosco sul costone ovest del vulcano. Sono circa un centinaio gli ospiti del camping che hanno abbandonato la struttura preoccupati dall'incendio.


COMMENTI