KXIP vs KKR Live Score

Un caso sospetto di mucca pazza in Veneto. La paziente è una donna padovana di 75 anni, che circa un mese fa è stata ricoverata per dei gravi problemi motori e cognitivi all'ospedale Sant'Antonio. La situazione si è velocemente aggravata, tanto che i parenti dell'anziana hanno deciso di trasferirla a Verona, dove una squadra di scienziati sta studiando la malattia. La donna è stata sottoposta ad un esame del liquido spinale.

Il personale sanitario, per evitare allarmismi, non si sbilancia e dice che solo l'eventuale autopsia potrà permettere di scoprire la tipologia della malattia, ovvero se si tratta della variante bovina o umana. Tra i settanta e i cento i casi ogni anno della malattia nella versione classica, solo due o tre i casi di mucca pazza in Italia.Nei laboratori di Legnaro, studiosi e ricercatori avevano messo a punto un vaccino. Al momento dalla Asl Toscana Centro non c'è comunque ancora "la conferma al cento per cento che si tratti proprio di mucca pazza". Negli anni '90, in Gran Bretagna, molte mucche vennero stroncate da quello che venne ribattezzato il morbo della Mucca Pazza. L'insorgenza della malattia era da ricollegarsi, più che all'uso di farine di carne, a modifiche nel processo di produzione delle stesse: per eliminare l'eccesso di grassi si usavano dei solventi potenzialmente pericolosi e/o cancerogeni; sospetti di tossicità sul solvente che li doveva sostituire, fecero sì che se ne abbandonasse l'uso, sostituendolo con un processo di semplice pressione, in cui però le temperature raggiunte non erano più in grado di inattivare i prioni, come invece avveniva nell'uso di solventi. La psicosi mucca pazza ha portato persone a non comprare carne bovina con conseguenze disastrose per gli allevatori.


COMMENTI