KXIP vs KKR Live Score

Oggi circa 47,5 milioni di francesi si recheranno alle urne per le elezioni legislative, ovvero per eleggere i 577 deputati che compongono l'Assemblea nazionale, la camera bassa del parlamento francese. I seggi si sono aperti alle 8 di domenica e si chiuderanno alle 20.

I sondaggi danno il suo partito come probabile vincitore di questo voto, che si replicherà come ballottaggio domenica prossima. I sondaggi prevedono un trionfo per il movimento del presidente Emmanuel Macron, la Republique en Marche (Rem): secondo le ultime rilevazioni, potrebbe conquistare tra i 397 ed i 427 seggi su un totale dei 577 seggi. Si viene eletti al primo turno con la maggioranza assoluta dei voti espressi da almeno il 25% degli aventi diritto. Trionfo che potrebbe essere oscurato solo dal tasso di astensione, che si annuncia molto elevato. C'è infatti una certa possibilità che le intenzioni di voto e i voti effettivi durante i due turni divergano sensibilmente, poiché con il sistema maggioritario a doppio turno diventano fattori decisivi tanto l'affluenza alle urne quanto le alleanze elettorali a livello locale, che in teoria possono variare fra un turno e l'altro. Se una maggioranza di deputati appartiene ad una famiglia politica diversa da quella del presidente il governo avrà lo stesso colore politico dell'assemblea e la politica attuata sarà quella della maggioranza parlamentare e non quella del capo dello stato.

L'obiettivo dei partiti è quello di ottenere almeno 289 deputati (quindi vincere in 289 circoscrizioni) per aver la maggioranza assoluta all'Assemblea nazionale e potere così applicare il programma senza dover negoziare con le altre formazioni politiche. Tuttavia, nessuno dei candidati è stato eletto al primo turno, quindi dovranno tenersi i ballottaggi. Il ministro dell'Interno, Gérard Collomb, ha dato ordine di garantire presenza visibile e costante delle forze dell'ordine, con capacità "permanente" di intervento. Sono un pò più giovani (49 anni la media rispetto ai 50 del 2012) e soprattutto esordienti in politica. I candidati in lizza sono 7.881, il 42,4% dei quali donne. Ci sono anche 267 studenti, più degli ingegneri o degli avvocati.

Per il Front National di Marine Le Pen si annuncia una vera e propria debacle.

Solo 461 candidati si presentano con l'etichetta La République en marche (LRM).

Possibili guai in vista per il MoDem, il partito centrista alleato con il presidente francese Emmanuel Macron.


COMMENTI