KXIP vs KKR Live Score

A Premium l'ad ha aggiunto: "Credo che la squadra sia sempre in linea con la società, vengono espressi sempre concetti importanti dalla società e noi li abbiamo immagazzinati al meglio".

"Vero. Un ciclo così è irripetibile, ma ce lo godiamo e guardiamo avanti con serenità". Abbiamo raggiunto un grande traguardo, al di là del blasone che rappresenta la Juventus. Anche perché il ciclo del presidente Agnelli non è terminato e insieme possiamo ancora toglierci molte soddisfazioni. "E' aumentato il valore tecnico ma anche la voglia di soffrire e vincere".Capitolo mercato, tra i tanti colpi fatti in sede di acquisti Marotta dice: "Quello di Pirlo è stato il più emozionante e suggestivo, arrivato a parametro zero quando lo davano per finito ed ha dato a tutti la spinta giusta, trasmettendo agli altri cosa volesse dire vincere assieme a Buffon e altri". La presidenza di Andrea Agnelli è contrassegnata da questo doppio trend. Abbiamo una grande organizzazione, ognuno con la propria autonomia e ognuno con le proprie competenze. Il giusto mix tra giovani e 'anziani' è il migliore. "Poi il talento e l'ambizione fanno il resto". "All'interno dell'area sportiva voglio ricordare anche Nedved e Paratici che sono due miei grandissimi collaboratori", continua il dg e ad dell'area sport.

Beppe Marotta ha contribuito a costruire una squadra mostruosa che non necessità di quei top player di fama mondiale alla Neymar o Cristiano Ronaldo: "Impossibile". E' lui che deve decidere ma secondo me non ci sono i presupposti per immaginare che possa andare altrove. Speriamo di finire bene questa straordinaria stagione.

"Noi a Cardiff disputeremo la partita numero cinquantotto stagionale, e questo porta a grande fatica e a difficoltà di gestione". Giocheremo una finale di Champions alla pari con il Real Madrid e vincere sarebbe la ciliegina sulla torta. Il colpo più importante di questi sei anni?


COMMENTI