KXIP vs KKR Live Score

Alzi la mano chi, navigando su internet, non ha mai imprecato contro uno dei tanti annunci che si aprono senza preavviso sul browser impedendoci di leggere un articolo o di navigare su un sito web. Se ci pensate bene la risposta è no. Una gestione più controllata degli annunci online, evitando pubblicità invadenti e che irritano i visitatori potrebbe comportare un minor ricorso a strumenti di terze parti per bloccare gli ads.

La notizia non è ancora ufficiale ma a riportarla è il Wall Street Journal, stiamo parlando del fatto che Chrome, che tra l'altro oggi si aggiorna alla versione 58, a breve potrebbe integrare su desktop e mobile il blocco delle pubblicità, funzionalità che solitamente richiede un'estensione.

"Non commentiamo voci o speculazioni", ha detto un portavoce di Google a Cnet in risposta ad una richiesta di commento delle indiscrezioni circa il lancio della funzionalità, aggiungendo che "stiamo lavorando a stretto contatto con la Coalition for Better Ads per esplorare una moltitudine di modi in cui Google e altri membri della Coalizione potrebbero supportare migliori standard degli annunci". Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui la novità riguarderebbe sia la versione di Chrome per computer, sia quella per smartphone e tablet.

L'obiettivo di Google è chiaro: ridurre l'uso di piattaforme di annunci alternative alla propria e punire i siti che non garantiscano agli utenti un'esperienza di navigazione piacevole.

Il sistema di Google non sarà indirizzato a tutte le pubblicità e la cosa è piuttosto ovvia, visto che si tratta una delle principali fonti di introito del colosso di Mountain View.


COMMENTI