Nella Dichiarazione d'indipendenza americana del 4 luglio 1776, i costituenti avevano stabilito che "a tutti gli uomini è riconosciuto il diritto alla vita, alla libertà, e al perseguimento della felicità".

Oggi, 20 marzo, è infatti la "Giornata internazionale della felicità", proclamata dall'Assemblea generale dell'Onu. Andiamo a scoprire il significato di questa festa. Innanzitutto riconosce "che la ricerca della felicità è un scopo fondamentale dell'umanità" e incoraggia "un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l'eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone".

Per l'occasione, abbiamo scelto di evocare i migliori 10 articoli di "Momenti Di Gioia", in una top 10 eccezionale in occasione della Giornata della Felicità. Vuole coinvolgere i singoli, ma con questi proclami si rivolge ancora prima ai vari organismi internazionali e regionali, alle tante organizzazioni non governative e alle associazioni no profit. E poi ci sono quelle dedicate alle arti: la giornata mondiale della poesia, del teatro, della musica, ... e ci sono quelle dedicate alle pratiche: la meditazione, lo yoga, la lotta alle malattie e la prevenzione ad esse, ... Come il Professor Richard Layard sottolinea: "nei paesi ricchi la più grande causa di infelicità è la malattia mentale". La stessa cosa vale per i single, non vivete in attesa di incontrare la persona che vi renderà felici, pensateci da soli, sarà bello condividere la vostra felicità e le vostre conquiste con qualcuno che sarà disposto a farlo con le sue. "Questo importante mix di stile di vita sano e felice e sostenibilità generati dal caffè è centrale alla nostra scelta di sostenere il Rapporto Mondiale sulla Felicità". Sperando di riuscire a strapparvi un sorriso, in un momento storico che sicuramente non ne regala troppi (l'Italia è al cinquantesimo posto della classifica dei paesi più felici, guidata da Danimarca e Svizzera). Viene subito dopo Stati come Uzbekistan, Malesia e Nicaragua ed e' tra i dieci Paesi con la maggiore diminuzione della felicita' tra il 2005 e il 2015. In altre parole: sei felice, se puoi generare felicità; sei felice se riesci a far nascere felicità nelle persone che incontri. Per chi è più attento all'ambiente, però, la meta ideale è il Bhutan, lo stato più green e felice del mondo. Psicologi, sociologi, ma anche biochimici e genetisti ogni anno sono alla ricerca del segreto della felicità, gli scienziati hanno individuato tre varianti genetiche per raggiungere questo obiettivo, di cui due legate ai sintomi della depressione e 11 punti del genoma correlati a nevrosi.


COMMENTI