E la festa è tutta per il Mönchengladbach, che a fine gara festeggia a lungo sotto il settore riservato ai tifosi ospiti e sotto la tribuna dove un nutrito gruppo di tifosi aveva preso postazione.

Fiorentina-Borussia Moenchengladbach, ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, sarà visibile su Sky, che ha l'esclusiva dell'Europa League, solo per gli abbonati all'emittente satellitare. Già, perché il Borussia parte a mille. E lì il calderone si allarga e ci vanno a finire un po' tutti: i proprietari ("Della Valle fuori dalle ..."), il tecnico ("Gobbo di m..."), e naturalmente la squadra. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Due sconfitte per le italiane di Europa League con esiti opposti per le italiane di Europa League. Il Borussia sbanda e la Fiorentina prova ad approfittarne. E al 28' arriva il 2-0 della Fiorentina. I tedeschi rimontano e, alla fine, riescono a vincere per 2-4.

Secondo tempo. Nella ripresa, pronti via e al 47′ il Borussia Moenchengladbach trova il pari in azione di contropiede con il solito Stindl che mette in rete la respinta di Tatarusanu sul tiro di Drmic! La Fiorentina non c'è, e non c'è nemmeno un leader capace di prenderla per mano. La Fiorentina ha impresso un buon ritmo alla gara all'inizio. Al 72' esce Hofmann ed entra Johnson, mentre al 79' fuori Dahoud per Strobl. I rapporti con Sousa sono guastati da tempo, con le prime crepe emerse già al termine del mercato invernale della passata stagione e ingigantite dalle spericolate uscite del tecnico circa le limitate ambizioni del club e la difficoltà di poter trattenere a lungo i propri pezzi pregiati, in primis Bernardeschi.

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Gonzalo Rodriguez, Astori; Chiesa, Badelj, Vecino, Olivera; Borja Valero, Bernardeschi; Kalinic. A disp.: Sportiello, De Maio, Tello, Cristoforo, Tomovic. All.


COMMENTI