KXIP vs KKR Live Score

"Alle loro affermazioni, credo, non va attribuito alcun significato di carattere politico", ha poi aggiunto il governatore in risposta alle polemiche politiche seguite all'affermazione dei due giovani, secondo i quali in Italia alla bandiera sarebbe attribuito un significato diverso che non in Thailandia, invitando a considerare che quanto detto è stato detto da due ragazzi. E' successo a Krabi, una tra le mete turistiche più frequentate del Paese, con i due ragazzi, di 18 e 20 anni, che in un video di scuse hanno spiegato il gesto con il fatto di essere ubriachi.

Due giovani italiani sono stati arrestati con l'accusa di aver vilipeso la bandiera nazionale thailandese, gesto considerato gravissimo nel paese asiatico. Ha provocato non poca indignazione nell'opinione pubblica italiana la giustificazione dei due ragazzi della loro avventata azione ai danni dell'immagine nazionale thailandese. Compariranno davanti al tribunale militare di Surat Thani.

Il caso è stato seguito con attenzione anche dalla nostra ambasciata a Bangkok, in contatto con le famiglie.

Hanno rischiato fino a due anni di prigione per "vilipendio alla bandiera". Tobias Gamper e Ian Gerstgrasser sono stati processati stamani e condannati a una pena pecuniaria.

Sono entrambi di Naturno, un paesino vicino a Merano, in provincia di Bolzano. E' intervenuta sull'accaduto anche la madre Gamper, che da poco ha terminato gli studi all'Istituto pedagogico: "Al momento non voglio commentare la vicenda", si limita a dire. A favore dei due ragazzi potrebbe giocare il fatto che si sono già scusati, anche con un secondo video diffuso da un poliziotto di Krabi sul suo profilo Facebook.

E a buon ragione: la pessima scusante dei due giovani turisti getta così fango indirettamente anche sul popolo italiano, addossandogli uno scarso amor patrio che non gli appartiene. "Picchiateli fino a farli svenire e spezzategli i polsi", è uno dei commenti.


COMMENTI