KXIP vs KKR Live Score

Su di lui peserebbero le accuse di falso ideologico e falso materiale.

Beppe Sala si è autosospeso da sindaco di Milano dopo la sua avvenuta iscrizione del registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti di Expo 2015.

"Apprendo da fonti giornalistiche che sarei iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla piastra Expo. Pur non avendo la benché minima idea delle ipotesi investigative, ho deciso di auto sospendermi dalla carica di Sindaco, determinazione che formalizzerò domani mattina nelle mani del Prefetto di Milano", ha scritto il primo cittadino di Milano. Gli inquirenti avevano già messo sotto inchiesta gli ex manager Expo Angelo Paris e Antonio Acerbo, l'ex presidente della Mantovani spa Piergiorgio Baita e gli imprenditori Ottaviano ed Erasmo Cinque. Tra questi compare Sala. Richiesta che era stata 'bocciata' dal gip. Nell'atto, notificato oggi dal giudice ad alcuni legali, il pg ritiene necessari ulteriori approfondimenti ed audizioni.

Ma non è sicuro che la Scavuzzo vada a sostituire il dimissionario Sala fino alle prossime elezioni che a questo punto verranno indette alla prima data utile. Sempre la Guardia di Finanza aveva acceso un faro sul ruolo di Sala, allora amministratore delegato di Expo, su quello del responsabile del procedimento, Carlo Chiesa e sull'allora general manager Paris.

L'obiettivo del procuratore, che sta indagano per corruzione e turbativa d'asta, è vederci chiaro su un appalto i cui conti non tornano. Bruti Liberati nel 2014 aveva silurato Robledo impedendogli di procedere con gli interrogatori 'centrali' dell'inchiesta. Quest'ultimo ha convocato le parti per affrontare nuovamente la vicenda e decidere quindi se archiviare, chiedere un supplemento di indagine oppure ordinare l'imputazione coatta. Da una richiesta di proroga indagini, era emerso che la procura generale, dopo aver avocato l'inchiesta alla procura, ha iscritto nuovi nomi nel registro degli indagati.


COMMENTI