KXIP vs KKR Live Score

Una storia che, alle luce delle ultime rivelazioni, è destinata ben presto a ripetersi in vista degli ultimi top di gamma della categoria, i Meizu Pro 6 Plus, che ospiteranno gli sbalorditivi Exynos 8890 di Samsung, cronologicamente e prestazionalmente, i più recenti sistemi chip realizzati dai laboratori interni alla compagnia. Il dispositivo, che si colloca al vertice dell'offerta, integra diversi componenti di fascia alta, tra cui il processore Exynos 8890, lo stesso dei Galaxy S7 e S7 edge. La fotocamera posteriore ha una risoluzione di 12 megapixel (Sony IMX386) con apertura f/2.0, flash dual tone, autofocus laser, autofocus a rilevamento di fase (PDAF), stabilizzazione ottica a 4 assi e ISP prodotto da Samsung. Lo smartphone possiede un telaio unibody in alluminio molto sottile (7,3 millimetri) e uno schermo Super AMOLED da 5,7 pollici con risoluzione Quad HD (2560×1440 pixel), protetto dal Gorilla Glass 4. M3X è alimentato da un chipset MediaTek Helio P20 (Octa-Core da 2,3 Ghz) con 3GB o 4GB di RAM e con 32 GB o 64 GB di storage.

Flyme 6 è disponibile da oggi in closed beta e dal 30 dicembre sarà disponibile nella forma di beta pubblica per i seguenti dispositivi: Meizu Pro 6, MX6, MX5, Pro 5, MX4, MX4 Pro, M3 Max, M3 Note, M3E, M3s, M2 Note, M2, M1 Note, U20 e U10. Oltre al sistema operativo aggiornato ad Android 6.0.1 Marshmallow, non abbiamo altre informazioni riguardanti le altre caratteristiche come display o reparto fotografico. Completano il profilo di questo ottimo Meizu smartphone top di gamma anche la presenza di un connettore di tipo USB Type-C reversibile ed un pacco batterie da 3.4000mAh, più che sufficienti a garantire un utilizzo di discreta durata nel corso di una giornata tipica.

Meizu ha aggiornato il design delle applicazioni pre-installate, così come la loro funzionalità.

Per il lancio ufficiale di questi due prodotti non si hanno notizie praticamente.

Il produttore cinese si è concentrato soprattutto sulla sicurezza e sulla privacy nello sviluppo di Flyme 6: sarà ad esempio possibile registrare le impronte digitali di tre differenti persone e sbloccare lo smartphone in tre differenti modalità, a seconda dell'utente che lo ha sbloccato.


COMMENTI