KXIP vs KKR Live Score

Inzaghi predica calma e chiede il salto di qualita' per non sganciarsi dai primi posti della classifica, orgoglioso di aver ricostruito uno spogliatoio ora compatto dopo la delicata situazione vissuta questa estate: "Bisogna avere continuita' per fare il salto di qualita', e' stato fatto un buon lavoro perche' siamo quarti in classifica, ma nel calcio e' un attimo quindi dobbiamo rimanere concentrati e fare una ppartita importante - ha sottolineato il tecnico della Lazio - Ai ragazzi, sin dal ritiro, ho detto di essere liberi di mente nonostante le pressioni e il clima pesante". Alla mezz'ora doppia palla gol per la Lazio con la solita sgroppata di Keita sulla sinistra, palla in mezzo per Immobile che incorna verso la porta, respinge Burdisso, palla sui piedi di Milinkovic-Savic che da pochi metri conclude debolmente tra le braccia di Perin. Il Palermo cerca subito la reazione con Nestorovski ma è ancora la Lazio a sfiorare due volte il gol. Per gli ospiti arriva, invece, la settima sconfitta di fila che condanna i siciliani al penultimo posto. Con l'avventura di De Zerbi a meno di colpi di scena arrivata al capolinea.

L'approccio alla partita come è stato?

Ma chi arriva? Al momento in pole c'è Ballardini che domani vedrà proprio il presidente rosanero a Vergiate. Inzaghi chiedeva ai suoi concentrazione e maturità nell'insidiosa trasferta di Palermo, ad una settimana dal derby che vale (incredibilmente, e il merito è suo) il secondo posto. All' 87' i padroni di casa rimangono in 10 per l'espulsione di Gonzalez che stende Lombardi al limite, ultimo uomo e chiara occasione da gol, rosso diretto per il difensore rosanero. Nei minuti iniziali Anderson lo schernisce con un tunnel e lui si innervosisce.

PALERMO (3-5-1-1) Posavec; Goldaniga (dal 35′ s.t. Lo Faso), Gonzalez, Andjelkovic; Morganella, Bruno Henrique (dal 10′ s.t. Bouy), Jajalo, Chochev, Aleesami; Diamanti (dal 1′ s.t. Quaison); Nestorovski. Relegati in panchina Hiljemark, Rispoli e Gazzi.

A disp. Vargic, Borrelli, Patric, Bastos, Hoedt, Vinicius, Leitner, Cataldi, Murgia. Negli ospiti, privi degli indisponibili De Vrij, Marchetti, Alberto e Prce, Simone Inzaghi ha confermato lo schema 4-3-3, mandando in campo dal primo minuto Basta, Wallace, Radu e Lulic a protezione di Strakosha; Parolo, Biglia e Milinkovic-Savic a centrocampo; con Felipe Anderson, Immobile e Keita nel tridente offensivo (ITALPRESS).

Immobile 7 - Poderoso quando trova spazio l'attaccante di Torre Annunziata è implacabile.


COMMENTI