KXIP vs KKR Live Score

E così la formula della quota 41, pur di essere approvata, pur di portare la maggioranza a far dire che qualcosa di concreto per le pensioni è stato fatto, è stata rivista e modificata fino all'introduzione del meccanismo previsto per il testo unico, anche se, stando alle ultime e ultimissime notizie, vi sarebbero al momento tre diverse formule di quota 41 in discussione e che richiedono diversi requisiti.

Tra le misure indicate, l'aumento del 30% dell'importo della quattordicesima per i pensionati con reddito fino a 1,5 volte il trattamento mensile (750 euro) e l'estensione della quattordicesima "nel suo importo originario ai pensionati con reddito compreso tra 1,5 volte il trattamento mensile e 2 volte il trattamento mensile (tra 750 euro e 1.000)".

Quanto alla flessibilità in uscita, l'Ape (l'anticipo pensionistico) consentirà di andare via dal lavoro fino a 3 anni e 7 mesi prima dei requisiti di vecchiaia ai nati tra il 1951 e il 1953, con almeno 20 anni di contributi versati.

L'uscita anticipata riguarderà anche le categorie degli "usuranti" (con un anticipo di 12 o 18 mesi rispetto all'attuale normativa agevolata), dei precoci (con un anno di versamenti prima dei 19 anni e 41 di contributi) e di coloro che hanno effettuato versamenti in più gestioni, che avranno la possibilità di cumulare gratuitamente tutti i contributi previdenziali maturati. L'80% degli agevolati ha pensioni piu' basse e quindi ricevera' la sua pensione piena. Per accedervi "bastera' avere i requisiti". Ma è un elemento tecnico, puramente ipotetico.

Un bonus per agevolare l'assunzione di giovani stagisti ed uno per spingere l'occupazione nel Mezzogiorno a favore di under 25 e disoccupati di lunga durata.

Nel pacchetto pensioni della stabilità si interviene anzitutto sulle quattordicesime.

Circa il capitolo pensioni e alle risorse stanziate "la rifinitura finale dei conti ha portato a questo esito certamente positivo. Del resto questa e' una delle scelte forti di questa legge di bilancio non meno importante degli incentivi a favore degli investimenti". Sono tre elementi che definiscono la platea e che devono stare assieme. Sulle critiche della Cgil "gia' nel verbale d'intesa si faceva riferimento ad una 'soglia minima'". Il premier Matteo Renzi ha commentato: "Una parte dei nostri connazionali è stata delusa dalla legge Fornero perché gli ha impedito di andare in pensione, ma è anche vero che una parte non ne vuol sapere. Per una questione di equilibrio". Per quanto riguarda le altre categorie non agevolate, dai 63 anni, in media, il lavoratore potrà decidere se usufruire dell'Ape volontaria, ovvero l'anticipo pensionistico finanziato mediante la sottoscrizione di un prestito e di una polizza assicurativa presso una delle banche coinvolte nel progetto, che servirà a garantire l'erogazione del cosiddetto "prestito ponte" in attesa dell'arrivo della pensione "legale", ovvero quella che verrà percepita stando ai termini della legge Fornero. "Il governo con questa manovra ha due obiettivi: spingere gli investimenti pubblici e privati e rilanciare i consumi interni". Perché un infermiere sì e un metalmeccanico no?


COMMENTI