Noicattaro (Bari) - I carabinieri della stazione di Noicattaro hanno arrestato, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip Giovanni Anglana, su richiesta del sostituto procuratore Larissa Catella della Procura di Bari, S.D., 34enne, del posto, ritenuto responsabile di diverse rapine e furti con strappo ai danni di anziani.

L'irruzione in una zona residenziale del quartiere Libertà, da parte di tre banditi. A far da apripista ai due complici sarebbe stato un uomo che era riuscito a raggiungere il quarto piano dell'edificio, arrampicandosi attraverso la condotta esterna del gas. Entrato nell'appartamento, ha fatto entrare i due complici. Ma un'escamotage trovato dalla vittima mise in fuga i rapinatori: fece credere loro che la casa fosse dotata di un allarme collegato con le forze dell'ordine e finse di averlo fatto scattare, azionando in realtà il rumoroso meccanismo di un motorino domestico. I ladri, intimoriti, sono fuggiti a gambe levate abbandonando il grosso dei preziosi e dell'argenteria.

Le indagini hanno condotto gli agenti sulle tracce di un pregiudicato del quartiere "Capo", riconosciuto dalla vittima come uno dei tre rapinatori, nel dettaglio, come colui che l'aveva minacciata con il cacciavite per alcuni interminabili minuti. D'Asta è stato rinchiuso all'Ucciardone.

Indagini sono in corso per risalire ai due complici.


COMMENTI