KXIP vs KKR Live Score

Se la gara vivrà sulle folate degli esterni offensivi (dallo stakanovista Callejon maestro di movimenti all'Insigne ancora a caccia del primo gol stagionale in casa Napoli fino alSalah tutto dribbling e istinto), importanti saranno anche i duelli a centrocampo. È arrivato al Napoli a gennaio 2015. Puo' darsi che la squadra debba passare attraverso questo tipo di errori, ma dobbiamo crescere in mentalita' e personalita', dobbiamo assolutamente imparare a gestire certe partite o certi momenti all' interno di queste partite. Poi, dicono le pressioni, lo stress da prestazione, la cappa di uno stadio. - Come modo di stare in campo, come equilibrio, come continuità, come completezza, sono i più bravi di tutti. Non è bello e piacevole quando qualcuno sbaglia che ti arrabbi e giri la mano. Lo giro agli amici del Graffio, che si sono già scatenati. "Abbiamo una rosa stracompetitiva, forse più dell'anno scorso, ci è capitato questo incidente con Milik ma abbiamo tante altre opportunità che il mister si sta creando". E' rimasto regista, nella accezione moderna, e però non scova, nella sua macchina da presa, nel ciak, l'azione giusta: gli vengono quelle orizzontali, corte, gli mancano quelle illuminanti, una verticalizzazione, il lancio a cercare l'esterno oltre la linea dei difensori altrui. Non posso tirarmi indietro e sono al loro fianco, anche se per il Napoli non sarà facile arrivare primi.

Maurizio Sarri si è subito affrettato a dare una spiegazione un po diversa alla sostituzione di Manolo Gabbiadini, contro la Roma. Ma, "step by step", serve un passo in avanti.

Aurelio De Laurentiis, in conferenza stampa, torna ancora una volta sul Pipita e sulle circostanze che hanno determinato il suo trasferimento alla Juventus.

" E' stato un Napoli discreto, vivo, che a tratti ha giocato meglio dei giallorossi". Con Marek ho uno splendido rapporto, è con noi da 10 anni e ad ogni richiesta siamo sempre stati disponibili a parlare. "Il ragazzo non deve abbattersi, deve prenderlo per quello che è".

L'idea, all'improvviso, non basta più: diventa esercizio stilistico, rimane persino fine a se stesso. Perché sì, la grande bellezza azzurra si innesca dalla mediana in su. Il tecnico del Napoli non si arrende nella lotta scudetto, anzi rilancia alla vigilia della partitissima al San Paolo contro la Roma, la supersfida tra le due più accreditate antagonista dei bianconeri nella lotta per il tricolore. E bisogna convincersi che tutti ormai bloccano il Napoli. Purtroppo questa squadra ha perso Higuain in estate e ora Milik per infortunio.


COMMENTI