KXIP vs KKR Live Score

Perché il Nobel che lo consacra non è certo un fulmine a ciel sereno - se ne parlava da una cinquantina d'anni, ma una conferma è sempre una conferma. Nemmeno sul palco di un concerto.

"Per aver creato delle nuove espressioni poetiche all'interno della tradizione della grande canzone americana". Ma con questa decisione l'Accademia ha decisamente preso in contropiede anche i commentatori più esperti. Dario Fo e Bob Dylan, che hanno cantato la libertà, il riscatto degli oppressi, la pace, la fratellanza e l'uguaglianza tra gli uomini, rappresentano un insegnamento per l'umanità. Nessun "letterato puro" sarebbe stato giudicato all'altezza del premio, si sarebbe quindi ripiegato su scelte "spurie".

Dall'Accademia il cancelliere Odd Zschiedrich spiega che l'organizzazione del premio ha parlato "con l'agente e con il manager dei suoi tour, ma non direttamente con lui", anche se minimizza: "Non è la prima volta, anche in epoche moderne, che non si riesce a parlare direttamente con il premiato". Non altrettanto si può dire di coloro che oggi criticano le scelte del comitato di assegnazione del premio e che spesso abbiamo visto latitanti di fronte a grandi soprusi del potere, talvolta persino complici e cantori. Poi magari ha urlato ballando nell'intimità del salotto della sua stanza, ma in pubblico niente.

Tuttavia rimane ad alcuni il dubbio che più che un premio immeritato, come sicuramente non è, dato lo spessore del cantante, questo sia un premio che tradisce il principio stesso del nobel per la letteratura.

Tanto da far sorgere la domanda: accetterà il Nobel? Uno dei suoi amici, il cantante Bob Neuwirth, ha rivelato che Dylan non ha mai parlato del Nobel in tutta la giornata di ieri.

"Congratulazioni a un vecchio sostenitore del nostro lavoro", ha scritto, sempre su Twitter, l'associazione umanitaria Amnesty International.

Dal New York Times alla rivista specializzata Rolling Stone (che deve il nome proprio dall'omonimo brano di Dylan), la linea è la stessa: il sommo riconoscimento per la letteratura sorprende sì, ma è un tributo che era da tempo dovuto. "Solo gli stronzi lo fanno".

A salutare Fo anche Il sindaco di Torino Chiara Appendino, come hanno fatto ieri i suoi colleghi del Movimento 5 stelle, il vice presidente della Camera Luigi Di Maio e il deputato Alessandro Di Battista. Ma poi, e soprattutto: cosa c'entra Baricco con la letteratura? Se seguiamo questo ragionamento, secondo lo scrittore, "allora anche gli architetti possono essere considerati poeti".


COMMENTI