KXIP vs KKR Live Score

Per la vertenza Almaviva oggi è il giorno della protesta dei lavoratori, che esasperati, hanno occupato stamani la sede di via Marcellini a Palermo, dopo l'esito del tavolo di ieri al Mise. 150 operatori che non ci stanno però. Sul tavolo ci sono ancora i trasferimenti di 135 lavoratori da Palermo a Rende. In che modo si pensa di costruire un settore industriale, svendendo i lavoratori, affamandoli? Le condizioni proposte da Exprivia, il nuovo committente di Enel, sono inaccettabili per i sindacati: Exprivia a fronte degli stessi volumi di Almaviva, dichiara un fabbisogno di risorse dimezzato, e nel rispetto dei suoi parametri di efficientamento della manodopera chiede di perdere tutte le tutele fra le quali l'anzianità di servizio e di accettare i trasferimenti. La società annuncia che assumerà "ogni opportuna iniziativa a tutela della legalità, della continuità delle attività e della sicurezza delle persone che vi lavorano". Ieri la riunione al Mise si è conclusa con un niente di fatto ed appare inevitabile il trasferimento per i 400 lavoratori legati alla commessa Enel.

Pierpaolo Mischi (Uilcom) e Riccardo Saccone (Slc-Cgil), che si appellano a governo e Parlamento, tre sono i punti chiave da affrontare: intervenire con norme che siano di contrasto alle delocalizzazioni e applicando le sanzioni che sono già previste, agire contro le gare al massimo ribasso rispettando i minimi contrattuali e prevedere ammortizzatori sociali stabili e non in deroga per tutto il settore. Siamo pronti alla trattativa costruttiva ad oltranza ma non accetteremo condizioni ricattatorie.

Ma è scontro con l'azienda che, in una nota, "giudica inammissibili forme di protesta che si collocano fuori dalla legalità, come quelle in corso a Palermo".

Alla luce di queste determinazioni importanti, conclude Maurizio Rosso, "non riusciamo a comprendere come si possa pensare di chiudere due centri importanti come Campania e Lazio, oppure di trasferire i lavoratori di Palermo a Rende, decisione che lascia intravedere licenziamenti mascherati".


COMMENTI